ALLENAMENTIBENESSERENEWS

Cosa è il drop di una scarpa? E in che modo influisce sulla nostra corsa?

Cosa è il drop di una scarpa? E in che modo influisce sulla nostra corsa?
3.7 (73.33%) 6 vote[s]

Cosa è il drop di una scarpa? In questo post vi spieghiamo tutto sul famoso drop, su come classificare le scarpe in base al loro drop e in che modo può influire sulla nostra corsa. Una delle domande più comuni che possono rivolgerti quando cerchi consigli sulle scarpe da running è: di che drop hai bisogno o stai cercando? Per non farti rimanere con la faccia perplessa, di seguito, ti spieghiamo in dettaglio tutte le caratteristiche di questo importante aspetto.

Il concetto di drop(in inglese: discesa, diminuzione) e a volte chiamato dai marchi di scarpe da running “offset“, è la differenza (in millimetri) tra la parte posteriore (tallone) e la parte anteriore (punta) della scarpa.

È importante misurare il drop correttamente per evitare errori; bisogna tenere in considerazione la soletta interna che, nei modelli in cui è possibile, deve essere rimossa. Inoltre, bisogna accertarsi che altri elementi esterni di controllo o di contenimento, come le linee guida che vedremo in seguito, non interferiscano con la nostra misurazione.

Ad esempio, una scarpa che presenta un’altezza di 23 millimetri nel tallone e 10 nella punta, indicherebbe un drop di 13 millimetri. La maggior parte delle scarpe sul mercato oscilla tra drop di 0 e 13 millimetri. È importante notare che questa differenza varierà anche in base alle dimensioni della scarpa, rendendosi più evidente nelle taglie piccole. In ogni caso, non dovresti preoccuparti! Quasi tutti i modelli ormai hanno stampato il valore del drop sull’intersuola o sulla stessa soletta interna.

Non bisogna confondere il drop di una scarpa con il profilo

Da non confondere con il profilo della scarpa, che si riferisce allo spessore della suola. In relazione a questo parametro, va notato che i profili inferiori a 15 millimetri di solito causano un sovraccarico nell’area metatarsale (dietro le dita); allo stesso modo, i profili di oltre 30 millimetri nel tallone aumentano il rischio di instabilità.

La maggior parte delle scarpe da running vengono realizzate con un plus di materiali nella zona del tallone. Questo tipo di fabbricazione ha lo scopo di ammortizzare e assorbire l’impatto al momento del contatto iniziale del piede con il suolo, in particolare nei runners che corrono sui talloni, chiamati anche”tallonatori”.

In generale, e in relazione al drop di una scarpa, possiamo creare questa classificazione:

8-12: scarpe da running altamente ammortizzate, per allenamenti altamente ammortizzati e per un contatto iniziale o atterraggio con il tallone o l’avampiede (Asics Gel Nimbus, Brooks Glycerin, Nike Zoom Pegasus, tra le tante)

4-8: scarpe più veloci, note anche come transizione di corsa naturale e consigliate per allenamenti o competizioni di qualità (alcuni corridori le conoscono come scarpe per velocisti) (Saucony Kinvara, New Balance 1080, Adidas Adizero Boston, tra le tante)

0-4: scarpe flessibili e di basso profilo (da non confondere con le minimaliste, che definiremo in dettaglio in un altro post)

Ma … il drop di una scarpa è davvero così importante? La risposta, basata su studi scientifici, è no. Ovviamente non c’è dubbio che una grande differenza tra il tallone e la punta condizionerà il primo appoggio del piede con il suolo, nella seguente tabella spieghiamo le diverse situazioni.

Scarpe con drop alto Scarpe con drop basso
Facilitano un contatto iniziale con il tallone Promuovono un primo contatto con la zona del metatarso
La caviglia realizza una maggior flessione dorsale La caviglia realizza una leggera flessione plantare
Si riduce il lavoro dei muscoli flessori plantari (polpaccio e soleo) Aumentano l’attivazione dei muscoli flessori (principalmente polpaccio e soleo)

In che modo la caduta influisce sulla gara?

Teoricamente un drop alto favorisce un contatto iniziale o un atterraggio con il tallone, al contrario, quelle scarpe che hanno un drop basso ci aiutano ad avere un atterraggio più verso la parte anteriore del piede.  Anche la biomeccanica del ginocchio e della caviglia tendono ad essere diverse e questo, a sua volta, modifica la tecnica di corsa. I drop bassi producono più flessione del ginocchio e meno flessione della caviglia dorsale. In questo caso aumenta il lavoro a livello della caviglia (è comune il sovraccarico dei polpacci e del soleo nelle prime sessioni di allenamento con drop bassi) e si riduce a livello del ginocchio (questo dettaglio è importante, poiché quei corridori con problemi alle ginocchia potrebbero proteggerle utilizzando scarpe basse). Un altro aspetto che è generalmente influenzato dal drop basso è la lunghezza del passo, che diminuisce e di conseguenza aumenta la frequenza.

Per quanto riguarda l’economia di corsa, gli articoli pubblicati su riviste specializzate indicano che non ci sono differenze tra drop di 4 millimetri e di 0 millimetri. Gli studi scientifici indicano anche che il drop si comporta in modo diverso quando si corre su un tapis roulant rispetto al suolo.

Stai pensando di cambiare drop?

La cosa più importante da tenere a mente è che qualsiasi cambiamento di drop deve essere accompagnato da una modifica della tecnica di corsa, nonché da un adattamento progressivo: non possiamo mantenere gli stessi chilometri ne il programma di allenamento che seguivamo in precedenza. È anche importante notare che deve essere individualizzato poiché ogni runner può adattarsi in modi e tempo diversi.

In conclusione, cari runners, vorrei sottolineare che il drop non è un parametro fondamentale, anche se dobbiamo tenere conto di due aspetti. Primo, i cambiamenti nella biomeccanica legati all’aumento del lavoro articolare e muscolare nella caviglia e alla diminuzione del lavoro del ginocchio (drop bassi ), e secondo le modifiche nella tecnica di corsa (falcata e frequenza).

Previous post

Saucony Triumph 17. Presentazione e analisi

Next post

Nuove Hoka Cavu 3. Analisi e opinioni

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *